Seleziona una pagina
Home / Blog / Blog Odontotecnico / Ricreare il sorriso naturale del tuo paziente

Foto in alto per gentile concessione Dott. Teo Alessandri

In caso di riabilitazioni parziali o totali, fisse o mobili, una delle fasi più importanti del percorso riabilitativo è la determinazione della forma e del colore dei denti in abbinamento alle caratteristiche somatiche del paziente. Questa scelta deve determinare l’estetica e la funzionalità della futura riabilitazione protesica, in modo che vi sia una funzione esteticamente corretta, in armonia col viso del paziente e con la sua personalità.

Una protesi naturale

Il punto di unione di questi fattori può essere racchiuso nei seguenti principi basilari:

  • Forma
  • Colore
  • Posizione
  • Modellazione
  • Volume topograficamente corretto (in relazione ai rapporti muscolo-schelettrici, occlusione, masticazione e deglutizione) della parte lucida del corpo protesico.

Per alcune di queste regole esistono studi approfonditi fin dal primo ‘900 del secolo scorso. Per esempio, alcuni autori come il Prof. J.L. Williams, il Prof. Milius House, il Prof. Earl Pound e i loro collaboratori hanno da tempo trasmesso a tutti noi le variabili tecniche e scientifiche per ottenere una protesi esteticamente e funzionalmente corretta.

Il compito dei professionisti

Compito del team medico-tecnico è quello di ricercare insieme la giusta soluzione estetica, consigliando ed informando il paziente, in modo razionale, dei canoni estetico/funzionali propri della sua età, sesso, funzione occlusale ecc.

 

Come determinare una protesi naturale?

I più noti ed esperti maestri in ambito odontoiatrico e odontotecnico hanno contribuito, negli anni, a fissare delle regole per poter lavorare intelligentemente e sfuggire così all’improvvisazione.

Forma e colore

Gerald Ubassy, ad esempio, nel suo libro “Forme e colori”, mette in grande evidenza l’osservazione della natura come fattore dominante per lo studio delle forme e delle micro forme in relazione con il colore. Ci ricorda, inoltre, che la forma e la posizione dei denti, in base alla funzione, possono avere un’influenza sul colore stesso. Prendiamo a esempio un dente di uguale colore ai denti contigui: possiamo facilmente osservare che una posizione più vestibolare rispetto agli altri denti può produrre un colore differente.

Una definizione di colore

Se consultiamo il celebre dizionario Merriam-Webster della lingua inglese, noteremo che il colore viene definito come un “fenomeno della luce o percezione visiva che permette di distinguere oggetti altrimenti identici”. Altri autori, come il compianto Giuseppe Spina, hanno da tempo definito i concetti di croma, valore e tinta, e stabilito che è possibile ottenere una modificazione di queste proprietà interagendo con le teorie di Mansell e il principio del sistema “sottrattivo del colore”.

Le richieste dei pazienti

Va anche detto, però, che la richiesta principale dei pazienti, mediante foto o richieste verbali, è quella di avere denti bianchi e posizionati in modo perfetto, perché questo è il canone che racchiude il principio diffuso di denti sani e sorriso perfetto. Non va, infatti, dimenticato che la maggior parte di loro hanno dovuto accontentarsi per diverso tempo di una dentatura antiestetica, caratterizzata da disarmonie, crepe, elementi mancanti ed altro. In situazioni del genere, i propri denti hanno costituito un elemento di inibizione sociale, così come i denti di altre persone sono stati oggetto di profonde invidie. Nel momento in cui si presenta ai pazienti la possibilità di migliorare la “propria immagine”, c’è sicuramente da aspettarsi la scelta di denti bianchi e posizionati in modo perfetto.

Un confronto efficace con il paziente

Un colloquio ragionevole tra clinico e paziente dovrebbe però far intendere allo stesso paziente che la “palizzata bianca” non indica una dentatura sana e perfetta ma solo una evidentissima protesi. Colloquio che non dovrebbe fermarsi al solo paziente, ma andrebbe esteso anche al nucleo familiare. In alcune occasioni, infatti, questo influisce negativamente sull’accettazione della riabilitazione da parte del diretto interessato.

Articolo a cura di Mario Schiavi, Senior Product Specialist

SCOPRI I PROSSIMI EVENTI

Pavia, 15 Giugno 2019Teramo, 25 Maggio 2019

L’autore

Mario Schiavi

Mario Schiavi

Senior Product Specialist

Da sempre operante in collaborazione con team tecnico – scientifici, è relatore di numerosi corsi di protesi totale, occlusione funzionale ed estetica presso Università Italiane, convegni Nazionali e Internazionali. Determinante per la sua crescita professionale è stato l’incontro con il Prof. Gino Passamonti ed il Dott. Vergnano. Senior Product Specialist per protesi mobile e Toronto.

Dal nostro ecommerce

Enigmalife+

Ispirati alla perfezione naturale dei nostri denti, gli enigmalife+ nascono dalla volontà di riuscire a riprodurne la bellezza, i dettagli e le proporzioni: sono nati per essere vivi. Disponibili in 53 forme e 16 tonalità oltre a due colori bleach.

Composito Gengivale Enigma

Il composito gengivale Enigma è stato sviluppato utilizzando riempitivi microibridi vetrosi per ottenere un prodotto non solo altamente estetico e di lunga durata, ma anche facile da utilizzare e caratterizzato da una superba lucentezza. 11 tonalità disponibili. Confezione: 4 gr.

Enigmalife+ Technical Case

Il cofanetto tecnico Enigmalife+ include tutte le 37 forme anteriori e le 16 forme posteriori, oltre alla scala colori. Disponibile in tonalità A2.

SEGUICI SUI SOCIAL

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Copyright 2019 - Yen Co. S.r.l. - Reg. Imprese / Cod. Fisc / P. Iva 03159640261 Cap. Soc. 20.000,00 Euro i.v. - Privacy Policy - Info legali
powered by Lithos

Scroll Up