Seleziona una pagina
Home / Blog / Blog Odontotecnico / Rilevazione del colore: le scale colori in odontoiatria

La scelta del colore del dente è generalmente effettuata con le scale colori o sistemi di rilevamento elettronici. Nel secondo caso, l’intero processo è delegato all’apparecchiatura elettronica, che registra la lunghezza d’onda di un raggio luminoso riflesso dal dente. Nel primo caso, invece, le tinte dominanti delle scale colori sono suddivise generalmente in marrone-rosso, giallo-rosso, grigio, rosso-grigio.

 

Luce naturale e luce artificiale

Per quanto riguarda la luce naturale, vi sono differenze notevoli a seconda dell’ora del giorno: al mattino si ha una maggiore presenza di toni azzurri, mentre le ore pomeridiane e serali sono caratterizzate da toni arancio-rossi.

La luce artificiale è invece sensibilmente influenzata dal tipo di sorgente che la genera. A seconda della fonte, si avranno differenti tipi di luce: le normali lampadine ad incandescenza, ad esempio, presentano in genere una notevole dominante rossa, mentre nel caso delle luci fluorescenti si deve avere l’accortezza di optare per fonti luminose che garantiscano una resa cromatica di circa 5.000 °Kelvin, in quanto questo valore risulta molto simile a quello della luce solare nella fase del giorno più indicata per la rilevazione del colore con luce naturale.

Durante la rilevazione del colore, per quanto possibile la luce, sia essa naturale o artificiale, non dovrà colpire direttamente l’area dentale.

Rilevazione colore su denti naturali, colorazioni A3 e A3.5   

 

Le condizioni ottimali di rilevazione del colore

Il dente, infatti, ha un notevole potere di rifrazione dovuto alla particolare conformazione della sua superficie e alla presenza della saliva che lo bagna, e può di conseguenza abbagliare e saturare l’occhio dell’operatore. Per lo stesso motivo, è consigliabile rilevare il colore dopo aver asciugato con aspiratore e aria compressa la dentizione presente.

Altri fattori di influenza della luce possono essere costituiti, solo per citarne alcuni, dal colore delle pareti del locale, degli arredi, dai vestiti indossati, il rossetto sulle labbra e dagli elementi presenti nelle immediate vicinanze del dente.

Rilevazione colore in studio

 

Esiste una codifica unica per le scale colore?

I colori dei campionari dentali, già diversi tra loro pur avendo sigle di codifica simili, sono una esemplificazione estrema dei concetti relativi alla misurazione e determinazione del colore dentale, poiché in realtà le possibili combinazioni cromatiche sono praticamente infinite.

Occorre, quindi, considerare attentamente le diverse componenti che concorrono alla colorazione del dente e tenere presente che ogni azienda propone corrispondenze differenti di scala colore, pur utilizzando sigle analoghe.

È diventato, pertanto, imprescindibile dotarsi di scale colori dedicate per tipologia di prodotto e per azienda, in modo da avere un linguaggio comune, immediatamente comprensibile tra studio e laboratorio.

Dall’alto: il risultato estetico derivante da una rilevazione colore efficace

L’autore

Mario Schiavi

Mario Schiavi

Senior Product Specialist

Da sempre operante in collaborazione con team tecnico – scientifici, è relatore di numerosi corsi di protesi totale, occlusione funzionale ed estetica presso Università Italiane, convegni Nazionali e Internazionali. Determinante per la sua crescita professionale è stato l’incontro con il Prof. Gino Passamonti ed il Dott. Vergnano. Senior Product Specialist per protesi mobile e Toronto.

Dal nostro ecommerce

Scala Colori Enigmalife+

Scala colori Enigmalife+ : 18 tonalità, da A1 a D4 oltre ai bleach (bianchissimi) BL2 e BL3.

Scala Colori 4Natur

Scala colori 4Natur: 16 tonalità da A1 a D4.

SEGUICI SUI SOCIAL

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Copyright 2019 - Yen Co. S.r.l. - Reg. Imprese / Cod. Fisc / P. Iva 03159640261 Cap. Soc. 20.000,00 Euro i.v. - Privacy Policy - Info legali
powered by Lithos

Scroll Up