Seleziona una pagina
Home / Blog / Blog Odontotecnico / Trasformazione del corpo protesico, alcuni cenni

La scelta della metodica di trasformazione dei corpi protesici è solitamente dettata dalle caratteristiche del corpo protesico stesso (su impianti, scheletrati, con vari ancoraggi e molte altre variabili), dalle resine scelte per le loro caratteristiche chimiche, dalle caratteristiche dell’operatore, dalla moda del momento e dai tempi a disposizione, ma ci sono anche altre motivazioni che possono spingere il tecnico a fare una scelta piuttosto che un’altra.

Ogni tecnico dirà che quella da lui seguita è la migliore. Può non avere tutti i torti, perché vi sono ragioni oggettive e soggettive che l’hanno determinata. Sulla questione soggettiva è oltremodo complicato addentrarsi, ma vi sono dati oggettivi sui quali poter operare al fine di scegliere una metodica di trasformazione più idonea per il singolo caso.

mascherina occlusale gesso naturale

Mascherina occlusale in gesso naturale di IV classe

Strumenti e attrezzature per la lavorazione delle resine

Ho potuto verificare nel tempo che la commistione tra la scelta della resina da adottare e lo strumento per la trasformazione hanno creato in non pochi laboratori delle problematiche, risolte poi con l’abbinamento corretto tra la caratteristica chimica della resina e lo strumento dedicato. Ai più questa problematica può sembrare banale ma un confronto “aperto” tra colleghi potrà far emergere quanto detto.

Ogni resina prevede uno specifico trattamento di indurimento o polimerizzazione, che in genere avviene per fotopolimerizzazione, autopolimerizzazione, termopolimerizzazione e termoformatura.

spostamento denti causato da polimerizzazione

Spostamento dei denti dovuto alla fase di polimerizzazione

Lo specifico tipo di polimerizzazione ha esso stesso delle variabili, come può essere il rapporto di miscelazione tra monomero e polimero.

Ad esempio, una resina più liquida si presterà maggiormente alla colata/iniezione mentre per una meno liquida sarà preferibile scegliere la zeppatura; l’opacità della resina è una caratteristica importante per l’utilizzo in abbinamento con la protesi scheletrica e non solo. Poi esistono resine a polimerizzazione rapida o prolungata, sistemi combinati (PMMA- Nylon) e altre caratteristiche particolari.

Per quanto riguarda le sistematiche, vi sono le classiche muffole in metallo, i sistemi per colata, i verticolatori, i fotopolimerizzatori, i sistemi ad iniezione etc.

rimontaggio in articolatore

Il possibile rialzo occlusale dovuto allo spostamento dei denti in fase di resinatura viene controllato e corretto con il rimontaggio primario in articolatore

Esiste una metodica migliore?

Non vi è un sistema eletto a migliore in assoluto, ma l’attenzione andrà sull’eseguire la metodica scelta in modo corretto, e abbinare sapientemente il materiale e lo strumento in funzione della protesi che dovrà essere trasformata. Quindi, se non vi sono problemi specifici sul prodotto utilizzato (ad esempio un lotto di materiale con caratteristiche alterate), le difficoltà vanno ricercate nel laboratorio (bolle, protesi non complete dopo l’iniezione, rotture, rialzi occlusali eccessivi etc) e nelle fasi di lavorazione applicate.

L’AUTORE

Mario Schiavi

Mario Schiavi

Senior Product Specialist

Da sempre operante in collaborazione con team tecnico – scientifici, è relatore di numerosi corsi di protesi totale, occlusione funzionale ed estetica presso Università Italiane, convegni Nazionali e Internazionali. Determinante per la sua crescita professionale è stato l’incontro con il Prof. Gino Passamonti ed il Dott. Vergnano. Senior Product Specialist per protesi mobile e Toronto.

Dal nostro ecommerce

Enigma High Base

Resina per palati a caldo infrangibile. Disponibile nei colori rosa venato e traslucente venato.

Pegasus Pourable

Resina per palati a freddo, autopolimerizzante. Disponibile nei colori rosa, traslucente venato, rosa venato.

Cera Rosa Rinforzata

Cera rosa rinforzata tipo 1 alta qualità.

Soluzione Isolante

Soluzione isolante adatta per l’uso con muffole sia a caldo sia a freddo. Particolarmente consigliata per la conservazione dei bordi e della tessitura superficiale. Si assorbe nella superficie creando un sigillo impermeabile e offrendo così un alto livello di definizione. Confezione: 1lt, 5 lt.

SEGUICI SUI SOCIAL

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Copyright 2019 - Yen Co. S.r.l. - Reg. Imprese / Cod. Fisc / P. Iva 03159640261 Cap. Soc. 20.000,00 Euro i.v. - Privacy Policy - Info legali
powered by Lithos

Scroll Up