fbpx
Seleziona una pagina

Nella realizzazione di una protesi parziale rimovibile flessibile in stampa 3D, seguire un protocollo consolidato può certamente fare la differenza per ottenere un risultato di eccellenza.

Il programma Dental Designer di 3Shape permette di progettare la protesi rimovibile in metallo (scheletrato con ganci).

Sfruttando questa tecnologia siamo in grado di progettare una struttura in resina flessibile con ganci, stampabile in 3D con incorporate le sedi dei denti, anche essi creati contemporaneamente nello stesso progetto.

stampa 3D di protesi parziale rimovibile flessibile

Preparazione del progetto su 3Shape Dental Manager

Andiamo a creare un nuovo progetto, per prima cosa selezioneremo i denti della protesi e imposteremo “anatomia dente artificiale”, scegliendo poi il materiale “PMMA” per la stampa 3D.
Successivamente impostiamo la funzione “scheletrato”sull’arcata dove eseguiremo la protesi e anche in questo caso selezioneremo come materiale la resina da stampa 3D.

progetto 3shape dental manager per stampa di protesi parziale flessibile

Progettazione

A questo punto avviamo 3Shape Dental Design per procedere alla progettazione del caso.
Partiamo con la modellazione individuale dei denti di protesi con gli stessi criteri che utilizziamo per la ceratura diagnostica di un qualsiasi caso.

progettazione 3D di protesi parziale rimovibile flessibile

Una delle cose migliori della tecnologia Cad è il fatto di poter replicare l’anatomia dei denti già esistenti, esiste infatti una funzione apposita all’interno del software per poter copiare il dente dell’emiarcata opposta.
Terminata la modellazione anatomica andremo a scaricare la zona del tallone del dente di circa 1,5 mm dalla mucosa e di 0,5mm nelle parti prossimali.

Questo importante accorgimento consente di lasciare lo spazio necessario per la parte rosa e flex della protesi, dando maggiore rigidità alla sella dentale e ai ganci. Proseguendo con la progettazione il software ci chiederà di creare la parte rosa flessibile.

progetto 3shape Dental Manager per stampa 3D di protesi parziale flessibile

Nella progettazione dei ganci è importante tenere in considerazione che stiamo lavorando con un materiale flex e non con CoCr. Quindi dovremmo innanzitutto portarci a livello sottoequatoriale non solo con la punta del gancio, ma almeno per il 50% del corpo di quest’ultimo.

Dovremmo tener anche in considerazione lo spessore del nostro gancio. Più lo spessore aumenta, maggiore rigidità avrà il gancio. Lo spessore minimo raccomandato è di 0,8mm.

Per quanto riguarda il connettore principale sarà importante riuscire a dare rigidità alla protesi in base all’estensione delle selle.

Quindi selezionando semplicemente la funzione “Connettore Principale” sul software 3Shape andremo a realizzare un’unica struttura che ingloberà i denti progettati in precedenza.

Al termine del Design della struttura flex un comodissimo tasto ci permetterà di fare una sottrazione di materiale attorno ai denti di protesi progettati in precedenza. Avremmo in questo modo una struttura con le sedi precise per i nostri denti.

supportazione per stampa 3D di protesi parziale rimovibile
menu supportazione per stampa 3D di protesi parziale rimovibile

Stampa 3D

La stampa si dividerà in due parti, la parte dentale in resina per definitivi “Graphy TC-80 DP” e la parte flex in resina “Graphy TFDH”.
Ci avvaliamo del programma “Phrozen DS Slicer” per preparare le nostre stampe e della stampante “Phrozen Sonic 4K 2022”.
Qui andremmo a posizionare virtualmente la parte dentale che verrà stampata con la resina “TC-80 DP”.
Il posizionamento dei pins avviene nella parte cervicale del dente, quindi sul tallone, per ricercare una riproduzione maggiore dei dettagli.

Al termine della prima stampa andremo ad eseguire la stessa cosa con la resina flex TFDH.
In questo caso la base verrà stampata inclinandola in modo da dare maggior sostegno possibile ai ganci per evitare deformazioni.

esito di stampa 3D di protesi parziale rimovibile

Cura delle stampe

La pulizia avviene per 3 minuti in vasca ultrasuoni con alcol isopropilico per entrambe le resine. Le stampe vengono poi asciugate con un panno e con aria compressa.
La cura avviene nel polimerizzatore “Tera Harz Cure” dotato di generatore di azoto.

I parametri di polimerizzazione delle due resine utilizzati in laboratorio prevedono la cottura della la “TC-80″ in due cicli da 5 minuti l’uno con un livello di intensità 2. Su denti parecchio voluminosi valutiamo se fare un terzo ciclo. ATTENZIONE: tra un ciclo e l’altro attendiamo il raffreddamento.

Per la “TFDH” flex basta un solo ciclo da 5 minuti a livello 2.

Unione delle parti protesiche

Eccoci quindi all’unione delle parti…
Per fare ciò semplicemente applichiamo della resina “TFDH” nelle sedi create in precedenza col software, posizioniamo i denti e blocchiamo la resina con una lampada da banco.

unione parti di protesi parziale flessibile stampata in 3D

Uniti tutti i denti, possiamo caratterizzarli con colori per composito e possiamo glasare il tutto.
Procediamo quindi con il ciclo finale di polimerizzazione in “Tera Harz Cure” della durata di 5 min ad una intensità livello 2.

protesi parziale rimovibile flessibile stampata in 3D finita
L’autore
Thomas Casagranda

Thomas Casagranda

Diplomato odontotecnico nel 2004, è titolare del laboratorio Dental Design dal 2007. Ha approfondito la sua conoscenza odontotecnica per 1 anno nel laboratorio odontotecnico Bonfiglioli a Bologna, seguendo poi anche corsi organizzati da 3Shape a partire dal 2010. Svolge il suo lavoro a Brusago (TN), dove si focalizza principalmente sulla stampa 3D, ma da sempre si dedica con passione a tutte le lavorazioni che riguardano il mondo dell'odontotecnica.

Consulta anche

STAMPA 3D

Attrezzature e materiali performanti per il laboratorio e lo studio, oltre a un'offerta completa di assistenza e formazione. Per rendere davvero produttivo l'approccio alla stampa 3D.

Graphy Tera Harz TC-80DP

Materiale per stampa 3D, indicato per la realizzazione di corone e ponti definitivi e provvisori avvitati su impianti, di sottostrutture, intarsi e overlay. Tra le prime resine certificate permanenti disponibili in Italia.